domenica 16 dicembre 2012

Torneo di scacchi under 16 di allenamento

Partecipanti torneo scacchi under 16
I partecipanti al torneo.
Sabato 15 dicembre si è svolto presso la sede del DLF di Pisa, il torneo giovanile di allenamento per la prossima stagione. Al via 10 partecipanti, quattro del Club di Scacchi Slava e sei allievi del corso ragazzi. Il torneo si è svolto su 4 turni, con la cadenza di 25 minuti a testa. Gli accoppiamenti sono stati fatti con il sistema svizzero, è stato utilizzato il comodo programma JavaPairing Light, utilizzabile anche da smartphone. I ragazzi si sono affrontati lealmente, e si sono viste partite interessanti, con numerose sorprese rappresentate da vittorie dei "piccoli" sui "grandi". Ecco alcuni momenti del torneo:

L'attacco sull'arrocco. Anteprima

Attacco sull'arrocco Una posizione interessante. La mossa è al Nero L'ultima lezione del corso di scacchi sul mediogioco è stata dedicata a vari tipi di sacrifici tematici che possono essere effettuati sull'arrocco. Della lezione parleremo per esteso in un prossimo articolo, pero adesso mi limito ad esaminare questa posizione che era rimasta in sospeso. Questa posizione, secondo il libro Chess Tactics for the Tournament Player, di Alburt e Palatnik, deriva dalla partita Romanovsky-Belov, giocata in URSS nel 1929. Il Bianco ha ha effettuato il classico sacrificio d'Alfiere in h7. La partita in questione continuò con le mosse 15...Rg8 16.Ne4+ Kf7 17.Ned6+ Bxd6 18.Nxd6+ Ke7 19.Qg5+ 1-0  Con gli allievi e con il visitatore Antonio Pinto ci siamo chiesti se il Nero avesse a disposizione una difesa più valida, e la nostra attenzione è caduta ovviamente sulle mosse 15...Ndxe5 oppure 15...Ncxe5. Non siamo riusciti a trovare un chiara vittoria del Bianco, ed anzi abbiamo speso quasi tutto il tempo della lezione ad analizzare le complicatissime varianti che scaturivano dopo queste mosse. Tornato a casa, mi sono munito degli strumenti informatici per cercare una soluzione. Innanzitutto, ho scoperto che

L'alfiere cattivo: Soluzioni

Ecco a voi le soluzioni dei due quesiti posti nella lezione sull'alfiere cattivo. Esercizio 1 Esercizio 1 Come già detto nella lezione, il Bianco vince se riesce a "passare la mossa" al Nero. Il compito del Bianco non è difficilissimo, in quanto l'Alfiere nero è legato alla difesa dei pedoni, ed anche il Re nero è vincolato ad impedire che il Re bianco "entri".    

Scacchi in consultazione (contro l'Iphone)

Scacchi e Iphone Una mossa dubbia. Nell'ultima lezione del corso di scacchi per principianti tenuto ad Attuttambiente, d'accordo con gli allievi abbiamo deciso di giocare una partita contro il programma di scacchi uno degli allievi (Marco) aveva sull'Iphone. Le partite in consultazione sono secondo me un buon metodo di insegnamento, in quanto forzano gli allievi ad esplicitare i propri pensieri, il che è utile a loro, ed ancche all'insegnante.   Il programma di scacchi dell'I-phone si è rivelato essere di media forza, probabilmente troppo forte per ognuno di loro preso singolarmente, ma grazie al fatto che un minimo io li guidavo, ne è venuta fuori una partita interessante. Il primo spunto interessante si è avuto già alla mossa cinque, quando

Club di scacchi Slava: Autogestione

Inchiodatura sulla donna Buone notizie dal Club di Scacchi "Slava". Per motivi indipendenti dalla mia volontà, ho dovuto saltare l'appuntamento questo martedì. Però grande e' stata la mia sorpresa nello scoprire che non soltanto i ragazzi si erano incontrati comunque per giocare, ma avevano anche scritto le partite e mi avevano inviato i formulari. (Probabilmente sono stati positivamente influenzati dall'autogestione che questa settimana sta avvenendo al Liceo Scientifico "F. Buonarroti" di Pisa, che come ricordiamo ospita il suddetto Club.) Il merito principale di questa iniziativa va ascritto a Giuseppe De Frenza, e come ringraziamento,

L'Alfiere cattivo

La penultima lezione del corso di scacchi sul mediogioco, che si svolge presso i locali del DLF di Pisa, è stata dedicata ad illustrare il concetto dell'Alfiere cattivo. Come è noto ai più un Alfiere si definisce cattivo quando un buon numero di pedoni propri si trovano sullo stesso colore delle caselle su cui l'Alfiere stesso si muove. Questo è uno svantaggio in quanto il pezzo risulta fortemente limitato nei propri movimenti. Inoltre spesso la presenza di un Alfiere cattivo si associa ad una debolezza delle case di colore opposto a quelle su cui si muove l'alfiere , in quanto queste non possono essere controllate né dai pedoni nè dall'Alfiere. In conseguenza di ciò, accade che il Re avversario abbia campo libero, oppure che un eventuale Cavallo dell'avversario abbia a disposizione case in cui è inamovibile, etc. Come primo esempio, elementare ma didatticamente utile, abbiamo visto

Come NON giocare a scacchi

Posizione scacchi 9 Diagramma 1 In questo articolo sarò volutamente acido, visto che sono in aperta polemica con i miei giovani allievi, che dopo un inizio promettente, ultimamente stanno avendo un comportamento un po' indisponente, in quanto sia durante le spiegazioni, sia durante le loro partite, si distraggono facilmente. Purtroppo i risultati di tutto ciò si vedono. Insomma, sicuramente la cosa sarà dovuta anche alla mia incapacità, ma un po' del loro i bimbi ce lo mettono :-) La posizione del Diagramma 1 si è verificata nelle prime mosse della partita tra Nicola Sini e Giacomo Sartor. Di questa partita sono riuscito a recuperare soltanto le prime 10 mosse, che purtroppo contengono una quantità di errori considerevole. In questo caso quello che mi dispiace maggiormente notare è

Una variante "minore" della Najdorf

Posizione iniziale scacchi Recentemente, leggendo come sempre faccio il newsgroup di scacchi it.hobby.scacchi , mi sono imbattuto nel seguente video del GM Daniel King su una variante della Siciliana Najdorf. L'utente Yamabushitriste si chiedeva se in questa posizione il Nero potesse giocare 10...d5 La cosa mi ha incuriosito, anche perchè la partita in questione rientra nel caso di arrocchi eterogenei che abbiamo trattato nel precedente articolo. La prima cosa da notare è che la variante è effettivamente rara. Fino alla fine del 2011, nei database si trova soltanto qualche partita giocata nei campionati degli engines scacchistici, più qualche altra partita giocata per corrispondenza da giocatori di secondo piano. Invece

mercoledì 28 novembre 2012

Club di Scacchi Slava

Mossa al Nero
La posizione in esame si è verificata nella partita Giannardi-Serafini, giocata ieri presso il Club di Scacchi "Slava".
Tralasciando l'apparente assurdità della posizione, il Bianco minaccia la spinta in c5, che creerebbe problemi sia per l'attacco su f7 sia per la difesa del pedone in e4.
Serafini ha giocato 1...De7, che tutto sommato è una mossa ragionevole perchè para le minacce.
Però questa mossa non contribuisce allo sviluppo, ed anzi blocca l'alfiere in e7.
La domanda è: avrebbe potuto il Nero difendersi indirettamente da questa minaccia, ossia effettuare una mossa che oltre a farlo progredire nello sviluppo avrebbe reso vana la eventuale spinta in c5 del Bianco ?
Trovate la risposta alla fine dell'articolo.

L'incontro di ieri ha segnato il clamoroso ritorno di Amir Nakhaei, AKA Nakamura (per i pochi ammiratori), AKA Nakammicia per i numerosi detrattori.
Amir ha inscenato una partita dal sapore antico con Nicholas Ricci, che però non ho la possibilità di proporvi poichè i formulari risultano incomprensibili ...
Vi propongo quindi la seguente partita, in cui Angel Regmi (a seguito di una svista, in verità), subisce clamorosamente dal giovane Andrea Bardelli.




Ed ora, come promesso, la soluzione del quesito posto all'inizio:


martedì 27 novembre 2012

Gli arrocchi eterogenei

arrocchi eterogenei
Diagramma 1
Nella sesta lezione del corso di scacchi sul mediogioco, svolto come sempre presso il DLF di Pisa, abbiamo affrontato il tema degli arrocchi eterogenei, o contrapposti.
Quando i Re dei due giocatori sono arroccati su lati opposti della scacchiera, si sviluppa in genere una battaglia sul filo del rasoio.
Entrambi i giocatori hanno un obiettivo abbastanza chiaro, e normalmente chi riesce a precedere l'avversario nella realizzazione, anche a costo di sacrifici di materiale, ottiene il vantaggio.
E' ovvio che in posizioni del genere, il minimo dettaglio possa fare differenze enormi.
In posizioni con gli arrocchi contrapposti, svolgono di solito un ruolo primario le spinte di pedone sull'arrocco avversario, con l'idea di aprire linee e/o di creare case deboli intorno al Re avversario.
Chiaramente, non è sufficiente spingere pedoni addosso al Re avversario.
Nella situazione dinamica che si viene a creare quando ci sono arrocchi contrapposti i fattori più significativi da tenere presenti sono:

  1. Il tempo
  2. L'iniziativa
  3. Il controllo del centro
  4. La maggiore concentrazione di forze sul lato ove attacchiamo.
La posizione raffigurata nel diagramma 1, si è verificata nella Rubinstein-Teichmann, Vienna, 1908, ed illustra l'importanza di aprire linee sull'arrocco avversario, anche a costo di sacrifici, per accelerare l'attacco.

Dietro richiesta più o meno esplicita degli allievi, siamo poi passati a studiare la famosa partita Fischer-Larsen Portorose 1958, che si può trovare commentata nel libro "60 partite da ricordare" .
Visto siamo rimasti per più di due ore a districarci nel mare delle varianti e delle idee, non riporto qui tutto quello che abbiamo visto.
Chi volesse gustarsi cmq la partita, la trova ad esempio qui:

Robert James Fischer vs Bent Larsen

In questo articolo invece , illustro un'altra partita, tratta dal bel libro: The Sicilian Dragon-David Vigorito-Everyman Chess 2011
La partita in primo luogo serve in primo a rassicurare gli allievi che giocare il Dragone non equivale necessariamente a fare da agnello sacrificale all'attacco del Bianco.
In secondo luogo, illustra chiaramente come i minimi dettagli possano cambiare totalmente le sorti della partita.


domenica 25 novembre 2012

Ancora sul Re al centro: Soluzioni

Come promesso, ecco le soluzioni ai quesiti posti nel precedente articolo

La prima posizione in esame è tratta da una partita giocata in simultanea da Alexander Alekhine contro un non meglio identificato Vasic.
Per la cronaca, ecco l'intera partita:


Il secondo diagramma è tratto invece dalla celeberrima partita Anderssen-Dufresne, giocata a Berlino nel 1852, conosciuta come La Sempreverde (The Evergreen).
Riportiamo anche questa partita integralmente:



Il terzo esempio è tratto da una partita giocata nel 1963 a Mosca.
In questo caso la riportiamo a partire dalla posizione data.

giovedì 22 novembre 2012

Ancora sul Re al centro


Nell'articolo precedente  abbiamo visto come in alcuni casi, in cui il centro è chiuso, il Re possa rimanere abbastanza sicuro al centro mentre ci  lanciamo in un attacco sull'ala.
La seguente partita, tratta dal libro: "Play The St. George", di Michael Basman, illustra questo concetto.
A parte i dettagli della partita, notate come di fatto il Re nero sia stato piu al sicuro di quello Bianco.



Per ricordarci però che queste sono eccezioni, e che la norma è quella di portare il Re al sicuro arroccando, tre esempi che ci ricordano i disastri a cui possiamo andare incontro se ci attardiamo con il nostro Re al centro.


La soluzione del primo diagramma è relativamente semplice, in effetti si tratta di un Matto in 2
Il Bianco muove e vince


La soluzione del secondo diagramma è invece parecchio più difficile, ma si tratta di una delle partite più famose della storia scacchistica di sempre, per cui va saputa:


Il Bianco muove e vince

Nella terza posizione, il Bianco sfruttando la posizione centrale del Re Nero riesce ad arrivare ad un finale a lui favorevole. Ma come ?

Il Bianco muove e vince
Si accettano soluzioni attraverso i commenti, altrimenti le soluzioni ufficiali verranno postate domenica.

Ancora sull'importanza dello sviluppo

In questo post una partita giocata martedì presso il Club di Scacchi "Slava" ospitato presso il Liceo Scientifico "Buonarroti" di Pisa.
L'invito ai ragazzi (ma a chiunque possa essere interessato) è quello di riguardare la partita, cercando di autoconvincersi che effettuare attacchi alla "viva il parroco", e rimanere indietro di sviluppo, è MALE.


martedì 20 novembre 2012

Sviluppo o materiale

In questa istruttiva partita, illustriamo ancora una volta l'importanza dello sviluppo dei pezzi in apertura, che spesso è più importante del vantaggio materiale.
Alla nona mossa il Bianco, avrebbe potuto rinunciare a tenere il pedone di vantaggio, lasciando però il Re avversario a centro scacchiera. In questo modo sarebbe stato in vantaggio.
In cambio del pedone, il Nero ottiene un vantaggio di sviluppo e una iniziativa che per lo meno compensano interamente il materiale in meno.
Il Bianco poi si dimostra ingordo, andando a catturare un secondo pedone, e viene a trovarsi in seria difficoltà.

Il Re al centro della scacchiera

Scacchiera
Muove il Nero
Prima di iniziare la lezione vera e propria, ci siamo riscaldati risolvendo alcuni esercizi di tattica.
Il diagramma in figura rappresenta uno di questi, rimasto insoluto.
Provate a risolverlo ora con calma, la soluzione la trovate alla fine dell'articolo.

Come si evince dal titolo, la quinta lezione del corso di scacchi sul mediogioco ha trattato il tema del Re al centro della scacchiera.

Chiunque abbia un minimo di dimestichezza con il gioco degli scacchi, conosce benissimo l'importanza dell'arrocco.
Ma se il Re del nostro avversario si attarda nel centro della scacchiera, come possiamo sfruttare ciò a nostro vantaggio ?

I presupposti perché il nostro attacca abbia successo, sono uno sviluppo dei pezzi superiore, e la possibilità di mantenere a lungo l'iniziativa.
Quando attacchiamo il Re al centro della scacchiera, dobbiamo cercare di:
  1. Evitare per quanto possibile che possa rifugiarsi su una delle due ali della scacchiera.
  2. Aprire quante più linee (colonne e diagonali) intorno al Re avversario.
  3. Far partecipare all'attacco quanti più pezzi possiamo.
  4. Cercare di sfruttare la disarmonia dei pezzi avversari, che spesso si riscontra quando c'e' il Re in mezzo alla scacchiera, che intralcia i propri pezzi.
Numerosi esempi anche spettacolari di partite in cui il Re rimane al centro della scacchiera, si trovano nelle partite classiche , di giocatori come Morphy, Anderssen, etc..
Probabilmente le vedremo in qualche articolo futuro.
Per questa lezione, invece abbiamo mostrato due esempi relativamente recenti.
Nel primo, tratto dalla partita Tatai-Karpov, il Nero ha un pedone in meno, ma i pezzi molto più sviluppati. Il Bianco in particolare ha un Cavallo in d1 che pare abbastanza mal piazzato, e non ha ancora arroccato.
Se il Bianco riuscisse ad arroccare, forse avrebbe il tempo di riorganizzarsi e di far fruttare il pedone in più.
Ma Karpov riesce ad impedire che ciò accada con un mossa sorprendente.





Nel secondo esempio, tratto da una partita tra Fischer e Rubinetti (che perde ...), assistiamo ad un tipo di sacrificio piuttosto "standard" in certe varianti della siciliana, dove il Bianco sacrifica un pezzo in d5 per poter aprire la colonna 'e' e piombare sul Re avversario.



Anche se di norma il Re è più sicuro quando è arroccato, questo non è vero nel 100% dei casi. Abbiamo visto dagli esempi precedenti che per attaccare il Re al centro è necessario aprire linee.
In alcune posizioni in cui il centro è bloccato, il gioco si trasferisce sulle ali.
In questi casi, il Re può essere meglio protetto al centro, che non su un'ala.
Ecco un esempio di quanto può accadere:



Cercate di studiare attentamente queste partite, magari andando ad investigare varianti che non sono state sviscerate.
Magari fra qualche giorno pubblicherò qualche esercizio su questo tema.

E ora, come promesso, la soluzione all'esercizio di tattica (preso da Ideachess).

domenica 18 novembre 2012

Un'altra partita dal corso dei ragazzi.

In questo post un'altra partita del corso per i ragazzi.
Chiaramente ci sono errori ed imprecisioni, però per lo meno questa ha le sembianze di una partita a scacchi :-)
Scherzi a parte, in questa partita si impara che quando il nostro avversario ha un Cavallo in e5, dobbiamo stare attenti a spingere il pedone in f5.




Una partita dal corso per ragazzi

In attesa in un resoconto più dettagliato dell'ultimo incontro del corso per ragazzi, posto una partita che ho giocato con l'allievo più "anziano".
Alcune idee su questo tipo di apertura le abbiamo viste in dettaglio nella prima lezione del corso sul mediogioco, però purtroppo questa lezione non è presente sul blog.


Comunicazione di servizio
A partire da questo articolo per visualizzare le partite inizio ad utilizzare il programma pgn4web che mi sembra eccellente.
L'ho testato con tutti i browser a mia disposizione, pregherei chi avesse problemi a visualizzare la scacchiera di comunicarmelo. Grazie.

sabato 17 novembre 2012

Troppo facile ?

Muove il Bianco
Supponiamo che in una partita per corrispondenza raggiungiate questa posizione con il Bianco.
La mossa è a voi.
Per fare gli sbruffoni decidete di inviare una mossa condizionata del tipo:
1.mossa 1, qualsiasi del Nero
2.mossa 2
Cosa dovete scrivere al posto di  mossa 1 e mossa 2 per essere sicuri di avere sicuramente ancora partita vinta alla fine ?

venerdì 16 novembre 2012

L'occasione mancata

Muove il Nero

Nella posizione del diagramma, il Nero ha una Torre in più, ma la sua situazione appare drammatica.
Si può salvare ? Se si, che mossa giochereste al posto suo ?
Potete proporre le vostre varianti nei commenti,  domenica posterò LA SOLUZIONE.
P.S. Chi bara utilizzando engines e database, è un sacripante !

giovedì 15 novembre 2012

L'attacco sul punto f7

Diagramma 1
La posizione del diagramma 1 raffigura una notissima posizione che deriva dall'apertura dei 2 Cavalli.
1.e4 e5 2.Cf3 Cc6 3.Bc4 Cf6 4.Cg5
La mossa del testo attacca il punto f7, anche se contravviene ai principi generali dell'apertura, che vieterebbero di muovere senza motivo un pezzo due volte se non si è completato lo sviluppo.
La chiave di tutto è il "senza motivo".
Il Bianco si può permettere di perdere dei tempi, se in cambio ottiene qualcosa di sufficientemente valido.
In questo caso particolare si vede che la mossa in questione è una valida alternativa ad altre mosse di sviluppo:






Diagramma 2


Questa posizione, per certi versi simile alla prima, si è verificata nella partita tra Elena Muceli e Rocco Milluzzo, durante una lezione del corso principianti ad ATTUTTAMBIENTE.
La sequenza di mosse e' stata:
1.e4 e5 2.Cf3 Cc6 3.Cc3 Cf6 4.Ac4 d6?! 5.Cg5!
In questo caso , a causa della quarta mossa del Nero, per lo meno imprecisa, la mossa 5.Cg5 si rivela una mossa senz'altro buona.
Vediamo anche in questo caso qualche analisi:













Diagramma 3
Ancora una posizione simile, che si può generare ad esempio dopo le mosse:
1.e4 e5 2.Cf3 Cc6 3.Cc3 Cf6 4.Ac4 Ae7 5.Cg5?
In questo caso la mossa di Cavallo si rivela un vero e proprio errore.
La differenza sta nel fatto che ora il Nero può parare la minaccia semplicemente arroccando, cioè effettuando una normale mossa di sviluppo.
Il Bianco non ottiene nulla in cambio della perdita di tempo, e la mossa 5.Cg5 non è giustificata.
Per inciso per chi non lo sapesse, se dopo 5...0-0  il Bianco decide di prendere in f7 , ad esempio 6.Axf7+ Txf7 7.Cxf7 Rxf7 si arriva alla seguente posizione (Diagramma 4):






Diagramma 4
Sebbene da un punto di vista "numerico", lo scambio effettuato è "alla pari" (3+3=5+1=6), in realtà qui il Bianco sta peggio.
Il motivo principale è che nel mediogioco, a parità di altri fattori, due pezzi minori sono molto più forti di una Torre.
In secondo luogo, notate come in questa posizione il Nero sia molto più sviluppato del Bianco, ed il motivo è che i pezzi del Bianco che sono spariti dalla scacchiera, hanno effettuato un totale di 5 mosse (3 il Cavallo e 2 l'Alfiere) e le mosse giocate spariscono insieme ai pezzi.






Diagramma 5



L'ultima posizione analizzata, sempre simile alle precedenti, può essere interessante anche per i giocatori un po' più scafati.
Può derivare ad esempio da una difesa Philidor:
1.e4 e5 2.Cf3 d6 3.Ac4 Cf6 4.Cg5
Di primo acchitto questa mossa sembra buona perchè il Nero per parare la minaccia in f7 è subito costretto a perdere un tempo, muovendo nuovamente il pedone 'd'.
Ma la faccenda non è così chiara:
4...d5 5.exd5 h6! (vedi Diagramma 6)








Diagramma 6

La differenza rispetto alle altre posizioni è che in questo caso il Nero, non avendo ancora giocato il Cavallo in c6, ha il tempo di scacciare il Cavallo da g5.
Dopo la continuazione pressoché forzata: 6.Cf3 e4 la posizione è per lo meno complessa, e a mio modesto avviso in questo caso alla mossa 4.Cg5 , che pure non può essere considerato un errore, erano da preferire normali mosse di sviluppo quali 4.Cc3, 4.d3, 4,d4.






Di seguito un paio di partite che mostrano come il Bianco in questa variante possa trovarsi in difficoltà.





mercoledì 14 novembre 2012

Errori di calcolo

Muove il Bianco
Nella quarta lezione del corso sul mediogioco, dopo aver risolto alcuni esercizi tattici di "riscaldamento", abbiamo analizzato la seguente posizione, tratta da una partita del 1939 tra Euwe e Keres.
Il Bianco ha il Cavallo attaccato, ed è facile rendersi conto che non ci sono alternative a quella di spostare il Cavallo stesso.
Le mosse candidate quindi, in questo caso si conoscono in maniera precisa, sono le 5 vie di fuga del pezzo attaccato (h4, e5, d2, e1,g1).
La posizione è tale che il Bianco non può scegliere la propria mossa in base a principi generali, in quanto il Nero dispone di una minaccia abbastanza concreta (vedete quale ?).
Cercate di trovare la mossa giusta, tenendo presente che Euwe non giocò la mossa giusta !
Trovate la soluzione alla fine dell'articolo.


Dopo siamo passati al vero argomento della lezione, cioè un esame di alcune delle possibili tipologie di errore che si possono fare durante il calcolo delle varianti.
E non parliamo di errori di metodo (tipo il saltare sconclusionatamente da una mossa candidata all'altra oppure effettuare una mossa senza averla calcolata minimamente), ma a veri e propri errori psicologici.
Il tipo di errore più caratteristico di questa tipologia, quello che probabilmente è alla base di tutti questi tipi di errore, è l'errata assunzione.
Quando dobbiamo calcolare una variante, in maniera più o meno inconscia scartiamo subito alcune mosse. E' necessario fare così, altrimenti l'albero delle varianti esploderebbe in breve.
Ad esempio, se ho subito uno scacco ed il mio re si trova in g2, automaticamente escluderò dall'analisi mosse del mio pedone in a2.
L'esclusione delle mosse avviene in base alle nostre esperienze ed alle nostre conoscenze, e man mano diventa un automatismo, della cui potenza a volte non ci rendiamo conto.
A questo proposito vi racconto un aneddoto.
A scacchi cinesi (Xiangqi) il Cavallo muove come il suo omologo europeo, con la differenza che NON SALTA (va di una casa in orizzontale/verticale e poi di una in diagonale).
Io conosco perfettamente questa regola, ma una vita passata a giocare a scacchi occidentali ha fatto si che io interiorizzassi la nozione che se dò scacco al Re con il Cavallo, l'altro DEVE muovere il Re.
Come conseguenza di ciò,  giocando a scacchi cinesi, non di rado mi capita di sbagliare i calcoli perchè non vedo che il mio avversario può parare lo scacco bloccando la via al mio Cavallo.
Ma vediamo qualche esempio di errata assunzione preso da partite reali.





Ecco un altro esempio dello stesso concetto:





Un meccanismo mentale simile è quello che può far mancare di vedere durante le analisi la cosiddetta MOSSA INTERMEDIA (zwischenzug), che in effetti può essere considerata un caso particolare di errata assunzione.
Se stiamo creando una minaccia, siamo portati a pensare che l'avversario debba difendersi da tale minaccia.
La mossa intermedia invece rompe questo flusso logico, in quanto il nostro avversario invece di parare la nostra minaccia, ne crea una più forzante, cambiando il corso degli eventi.
Di seguito un esempio in cui il grande Kasparov ne rimane vittima (anche se poi inopinatamente vince comunque la partita):




Come abbiamo detto, nel mancare una mossa intermedia si fa l'errata assunzione che ad una minaccia debbo corrispondere una difesa.
Errori di pensiero simili, si hanno quando assumiamo che durante una serie di mosse forzanti, TUTTE LE MOSSE DEBBANO ESSERE FORZANTI.
Invece a volte, la mossa che decide e' una mossa apparentemente tranquilla, e pero' al tempo stesso letale.
Vediamo un esempio:





Un altro tipo di mossa che tende a sfuggire nell'analisi, è quella in cui stiamo analizzando una serie di mosse in cui noi attacchiamo ed il nostro avversario si difende, ed una delle risposte dell'avversario OLTRE A PARARE LA NOSTRA MINACCIA, NE CREA A SUA VOLTA.
(Notare come il concetto sia differente da quello della mossa intermedia).
Il rischio è di ignorare nella analisi queste minacce.
Ecco un esempio, che può forse sembrare banale, ma visto che i giocatori coinvolti non sono propriamente dei fessi, probabilmente dovrebbe metterci in guardia.






Ovviamente esistono altre categorie di mosse che tendono a sfuggire all'analisi, magari le analizzeremo in un altro articolo.
Altrettanto ovviamente, il fatto di aver visto questi esempi non significa che nel futuro non vi capiterà comunque di fare errori di calcolo simili, ma la speranza è che qualche punticino in più magari lo farete.


Ed ora, come promesso, la soluzione dell'esercizio proposto all'inizio.


Scambiamo le Donne ?

La seguente partita, giocata durante l'incontro settimanale presso il Club di scacchi "Slava" del liceo "Buonarroti" di Pisa, e' secondo esemplare per evidenziare un problema tipico che si riscontra nei giocatori alle prime armi, ossia il rifiuto quasi assoluto di eliminare entrambe le Donne dalla scacchiera.
(Per la verità, nei principianti c'è anche una misteriosa tendenza a non voler essere quelli che iniziano un cambio di pezzi qualsiasi, ma questo problema forse lo affronteremo una prossima volta).
Ovviamente invece, scambiare o meno le Donne è una decisione come un'altra , da prendersi in base alle considerazioni contingenti sulla scacchiera.
Essenzialmente, se ho un vantaggio di materiale enorme, cambiare le Donne è in generale una buona idea, perché semplificando il gioco è più facile realizzare il mio vantaggio.
(Chiaramente ci sono eccezioni anche a questa "regola". Per esempio se l'avversario oltre ad essere in svantaggio di materiale ha anche il Re in pericolo, magari conservando le Donne posso arrivare ad una rapido e spettacolare matto.)
Un principiante invece, se è costretto a scegliere tra una posizione in cui ha un pedone di vantaggio, senza compenso per l'avversario, e senza le Donne sulla scacchiera, ed una posizione in cui sta peggio dell'avversario, ma con le Donne sulla scacchiera, di solito sceglie la seconda opzione.

E' secondo me importante cercare di togliere il prima possibile questa cattiva abitudine all'allievo, perché è uno dei motivi che lo distoglie da una scelta razionale della mossa da giocare.
 
Nella partita che segue, all'inizio il Bianco evita un paio di volte un cambio di Donne che lo farebbe restare in comodo vantaggio, di contro il Nero evita un cambio di Donne che gli farebbe ristabilire il completo equilibrio.

Successivamente, il Nero, per diverse mosse evita il cambio delle Donne, pur essendo in vantaggio materiale molto significativo.
Anzi alla fine "obbliga" il Bianco a spostare la propria Donna ed a "rinunciare" allo scambio, e questo finisce per costargli la partita.

domenica 11 novembre 2012

Barba e capelli

Dopo la pausa della settimana scorsa, dovuta al compleanno di Tirrenia, è ripreso il corso di scacchi per i ragazzi, come sempre tenuto presso il DLF Pisa.
Ad inizio lezione, abbiamo guardato una istruttiva partita breve, che ho "rubato" dal bellissimo Blog di Sebastiano Paulesu.
Eccola:



Durante i commenti a questa partita, Nicola mi ha chiesto come mai il Bianco non cerchi sempre di dare il Matto del Barbiere al Nero.
Ho cercato di spiegargli che questa idea non è molto saggia, per vari motivi:

  1. Se tiriamo fuori la Donna troppo presto, ogni volta che il nostro avversario la attaccherà saremo costretti a muoverla, e nel frattempo gli altri pezzi rimarranno tristemente a casa.
  2. In generale, non possiamo pretendere di lanciarci all'attacco con pochissimi pezzi in gioco, soprattutto se l'avversario è ben piazzato.
Come esempio della brutta fine che il Bianco può fare in questo caso, ho illustrato la partita Regmi-Ricci, che potete eventualmente visualizzare qui: http://nobilgiuoco.blogspot.it/2012/11/procedono-i-lavori-del-club-di-scacchi.html .
Poichè Nicola non mi sembrava ancora convinto, l'ho sfidato pubblicamente a cercare di darmi il matto del barbiere. Ecco il risultato:




Dopo ciò, abbiamo visto un po' di tatticismi, ed i bimbi poi hanno giocato qualche partita.
Ne pubblico una, tra Giacomo Sartor e Nicola Sini. Giacomo avrebbe preferito che pubblicassi l'altra, in cui lui ha sperimentato un sistema difensivo che lui stesso ha denominato La Zona Fantastica , ma magari questo sarà argomento di una prossima pubblicazione.